fiore di loto

Il dio Anubis

 

 

il dio Anubis

Il dio Anubis
Valle dei Re, Tebe-ovest
Tomba di Ramses I, XIX dinastia

Anubis, dio dei morti e divinità protettrice delle necropoli, veniva raffigurato con corpo umano e testa di sciacallo oppure con l'intero corpo di sciacallo, anche se l'animale fu all'origine un giovane cane selvaggio di colore nero. Il suo nome egiziano era Inpu. Sembra che il suo culto provenga da Thinis vicino ad Abydos nell'Alto Egitto, ma ben presto si diffuse in quasi tutto il paese.

Sino alla fine della V dinastia, Anubis presiedette al culto funerario, e le preghiere di vita eterna scritte nelle mastaba più antiche, erano rivolte a lui. Dopo tale epoca il suo posto venne assunto da Osiride. Questi, secondo qualche leggenda, avrebbe generato Anubis nel rapporto illegittimo avuto con Neftis.

Anubis procede all'imbalsamazione

Anubis procede all'imbalsamazione delle spoglie del defunto
Tomba di Sennedjem, Deir el-Medîneh, XIX dinastia

Dopo la ricomposizione della salma di Osiride, di cui il malvagio Seth aveva fatto scempio, Anubis provvedette a mummificarlo, divenendo così il patrono dell'imbalsamazione. Un sacerdote, recando sul volto una maschera da sciacallo, lo rappresentava nelle cerimonie funerarie. Secondo la tradizione riportata nei Testi delle Piramidi, Anubis, nella sua opera di mummificatore di Osiride, venne aiutato dai quattro Figli di Horus (Horus l'Antico) che divennero i protettori delle viscere del defunto, conservate nei vasi canopi.

Nella tomba fu Anubis a ricevere la mummia del defunto, e sempre lui provvedeva alla cerimonia dell'Apertura della Bocca, consistente in vari riti magici che dovevano ridare il soffio vitale. Come compito più rilevante, Anubis presiedeva al tribunale dell'oltretomba, sorvegliando i due piatti della bilancia delle anime. Il suo giudizio era di importanza determinante, in quanto riconosciuto da Thot, Horus e Osiride. Infine era Anubis ad accompagnare l'anima del defunto all'aldilà.

Più tardi Anubis entrò nel culto alessandrino di Serapide e di Iside. Fu identificato con Hermes sotto il nome di Hermanubi.

 

logo

Copyright © 2004 Katharina von Dosky
Vietata la riproduzione di testo, fotografie ed immagini senza il mio consenso




Valid HTML 4.01 TransitionalCSS Valido!