fiore di loto

Le barche solari

 

 

barca solare

La teologia eliopolitana descriveva il periplo solare come un viaggio compiuto dal dio Sole Ra attraverso il cielo durante il giorno sulla barca chiamata Mandjet e durante la notte, traversando gli inferi, sulla barca Masket. Il cambio della barca e dell'equipaggio divino avveniva al crepuscolo ed è descritto nel "Libro di Ciò che è nell'Ade", importante composizione magico-religiosa. Per viaggiare durante le ore notturne Ra deve, ad un certo momento, cambiare nuovamente imbarcazione onde navigare sulla sabbia. In questo caso è il serpente protettore Mehen che assume con il proprio corpo l'aspetto di barca, trainata dai fedeli del dio.

Fu probabilmente per analogia a tale viaggio solare che i sovrani dell'Antico Impero possedettero, nei pressi delle loro piramidi, due o più imbarcazioni, portate alla luce dagli scavi archeologici. Nelle vignette del Libro dei Morti il defunto è talvolta ammesso a salire sulla barca solare ove si trovano anche altre divinità e a proseguire con esse il viaggio ultraterreno.

 

logo

Copyright © 2004 Katharina von Dosky
Vietata la riproduzione di testo, fotografie ed immagini senza il mio consenso




Valid HTML 4.01 TransitionalCSS Valido!