fiore di loto

 

 

 

Pietro Bembo

(cardinale, scrittore, grammatico e umanista italiano, 1470-1547)

- Sonetto V -

Crin d'oro crespo e d'ambra tersa e pura,
ch'a l'aura su la neve ondeggi e vole,
occhi soavi e più chiari che 'l sole,
da far giorno seren la notte oscura,

riso, ch'acqueta ogni aspra pena e dura,
rubini e perle, ond'escono parole
sì dolci, ch'altro ben l'alma non vòle,
man d'avorio, che i cor distringe e fura,

cantar, che sembra d'armonia divina,
senno maturo a la più verde etade,
leggiadria non veduta unqua fra noi,

giunta a somma beltà somma onestade,
fur l'esca del mio foco, e sono in voi
grazie, ch'a poche il ciel largo destina.


piccola foglia

- Sonetto XI -

Ove romita e stanca si sedea
quella, in cui sparse ogni suo don natura,
guidommi Amor, e fu ben mia ventura,
che più felice farmi non potea.

Raccolta in sé, co' suoi pensier parea
ch'ella parlasse; ond'io, che tema e cura
non ho mai d'altro, a guisa d'uom che fura,
di paura e di speme tutto ardea.

E tanto in quel sembiante ella mi piacque,
che poi per meraviglia oltre pensando,
infinita dolcezza al cor mi nacque;

e crebbe alor che 'l bel fianco girando
mi vide, e tinse il viso, e poi non tacque:
«Tu pur qui se', ch'io non so come o quando».


piccola foglia

- Sonetto CXXIII -

Quel dolce suon, per cui chiaro s'intende
quanto raggio del ciel in voi riluce,
nel laccio, in ch'io già fui, mi riconduce
dopo tant'anni e preso a voi mi rende.

Sento la bella man, che 'l nodo prende
e strigne sì, che 'l fin de la mia luce
mi s'avicina e, chi di fuor traluce,
né rifugge da lei né si difende:

ch'ogni pena per voi gli sembra gioco,
e 'l morir vita; ond'io ringrazio Amore
che m'ebbe poco men fin da le fasce,

e 'l vostro ingegno, a cui lodar son roco,
e l'antico desio, che nel mio core,
qual fior di primavera, apre e rinasce.


piccola foglia

- Sonetto CLI -

Quando, forse per dar loco a le stelle,
il sol si parte, e 'l nostro cielo imbruna
spargendosi di lor, ch'ad una ad una,
a diece, a cento escon fuor chiare e belle,

i' penso e parlo meco: in qual di quelle
ora splende colei, cui par alcuna
non fu mai sotto 'l cerchio de la luna,
benché di Laura il mondo assai favelle?

In questa piango, e poi ch'al mio riposo
torno, più largo fiume gli occhi miei,
e l'imagine sua l'alma riempie,

trista; la qual mirando fiso in lei
le dice quel, ch'io poi ridir non oso:
o notti amare, o Parche ingiuste et empie.

 

logo

Copyright © 2004 Katharina von Dosky
Vietata la riproduzione di testo, fotografie ed immagini senza il mio consenso




Valid HTML 4.01 TransitionalCSS Valido!