fiore di loto

L'esercito

 

 

 

Il primo esercito egizio di cui si ha notizia risale al 3000 a.C. dopo l'unificazione delle terre del Nord con quelle del Sud sotto la 1ª dinastia di Menes. La solidità e l'efficienza della sua organizzazione permise la costituzione dell'Impero Egizio che durò più di venti secoli.

L'Egitto non fu una nazione bellicosa. In generale la politica dei faraoni fu difensiva. Certo, mantenne sempre un esercito sin dalle prime dinastie, ma non c'è traccia di grossi conflitti. I militari effettuarono soprattutto operazioni di polizia in Nubia e scortarono le spedizioni alle miniere. Per tutto il corso della storia egizia l'esercito fu usato spesso per lavori di pubblica utilità: in particolare, per il trasporto di materiali, per la manutenzione del sistema di irrigazione e per le spedizioni commerciali.

L'esercito assume una certa importanza nel Nuovo Regno. Traumatizzati dall'invasione hyksos, i faraoni mantengono delle truppe composte da militari di carriera e da stranieri paragonabili ai mercenari. Il corpo scelto è quello degli ufficiali sui cocchi, che dispongono di cavalli ben curati. Il faraone Ramses II, che lottò contro gli Ittiti prima di concludere una pace durevole, poteva contare su una ventina di migliaia di uomini ripartiti in quattro corpi d'armata. I soldati migliori beneficiavano di una buona pensione e godevano della stima della popolazione.

 

 

logo

Copyright © 2004 Katharina von Dosky
Vietata la riproduzione di testo, fotografie ed immagini senza il mio consenso




Valid HTML 4.01 TransitionalCSS Valido!