fiore di loto

 

 

 

Ugo Foscolo

(poeta e scrittore italiano, 1778-1827)

- Come nel chiostro -

Come nel chiostro vergine romita
se gli azzurri del cielo, e la splendente
luna e il silenzio delle stelle adora,
sente il Nume, ed al cembalo s'asside
e del piè e delle dita, e dell'errante
estro e degli occhi vigili alle note
sollecita il suo cembalo ispirata.

Ma se improvvise rimembranze amore
in cor le manda, scorrono più lente
sovra i tasti le dita, e d'improvviso
quella soave melodia che posa
secreta ne' vocali alvei del legno
flebile e lenta all'aure s'aggira.


piccola foglia

- Alla sera -

Forse perché della fatal quiete
tu sei l'immago a me sì cara vieni
o Sera! E quando ti corteggian liete
le nubi estive e i zeffiri sereni,

e quando dal nevoso aere inqiete
tenebre e lunghe all'universo meni
sempre scendi invocata, e le secrete
vie del mio cor soavemente tieni.

Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme
che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
questo reo tempo, e van con lui le torme

delle cure onde meco egli si strugge;
e mentre io guardo la tua pace, dorme
quello spirto guerrier ch'entro mi rugge.


piccola foglia

- Perché taccia -

Perché taccia il rumor di mia catena
di lagrime, di speme, e di amor vivo,
e di silenzio; ché pietà mi affrena,
se con lei parlo, o di lei penso e scrivo.

Tu sol mi ascolti, o solitario rivo,
ove ogni notte Amor seco mi mena,
qui affido il pianto e i miei danni descrivo,
qui tutta verso del dolor la piena.

E narro come i grandi occhi ridenti
arsero d'immortal raggio il mio core,
come la rosea bocca, e i rilucenti

odorati capelli, e il candore
delle divine membra, e i cari accenti
m'insegnarono alfin pianger d'amore.

 

logo

Copyright © 2004 Katharina von Dosky
Vietata la riproduzione di testo, fotografie ed immagini senza il mio consenso




Valid HTML 4.01 TransitionalCSS Valido!