fiore di loto

I giudici dei morti

 

 

papiro di Ani

Dieci dei quarantadue Giudici
Particolare del "Libro dei Morti" di Ani, XIX dinastia
Londra, British Museum

Il supremo tribunale osiriaco, incaricato di giudicare i defunti nella cerimonia della "psicostasia" e che ha la sua sede nella sala Maaty ("delle due Maat", cioè della Verità e della Giustizia) si compone del Presidente e di quarantadue Giudici. Il Presidente è Osiride, talvolta sostituito da Ra, indicando così una sopravvivenza delle antiche idee solari ed aristocratiche nella religione osiriaca a carattere democratico. I Giudici sono entità mummiformi antropo e zoocefalo innanzi alle quali il defunto è tenuto a pronunciare la sua "dichiarazione d'innocenza" asserendo di non aver compiuto determinate colpe.

L'archeologo Charles Maystre esclude un collegamento tra il numero dei Giudici costituenti il divino Conclave e quello dei nômi, o divisioni amministrative dell'Egitto.

 

logo

Copyright © 2004 Katharina von Dosky
Vietata la riproduzione di testo, fotografie ed immagini senza il mio consenso




Valid HTML 4.01 TransitionalCSS Valido!