fiore di loto

Il Lago Sacro

 

 

lago nel Tempio di Karnak

Il lago sacro del Tempio di Karnak dedicato al dio Amon

La maggior parte dei templi dell'antico Egitto, particolarmente nel Nuovo Impero, sono dotati di un lago sacro "schi-netjer", ove si svolgevano manifestazioni religiose e misteri, cui fu ammesso ad assistere anche Erodoto. Secondo la religione egizia, immergendosi nelle acque di uno di questi laghi sacri, si veniva purificati. Perciò all'alba i sacerdoti vi dovevano fare delle abluzioni, prima che gli fu permesso di entrare nel tempio.

Il lago sacro più bello e più grande è senza dubbio quello dedicato al dio Amon nel tempio di Karnak, fatto costruire da Thutmosis III, faraone della XVIII dinastia. Questo lago, che misura 120 x 77 metri, è ancora perfettamente intatto e può essere vistato dal pubblico. A un angolo del bacino, su un basamento alto quasi due metri, si trova lo scarabeo di granito, il custode del lago. Per non far scendere il suo livello, un tempo veniva costantemente alimentato con acqua fresca dal Nilo, attraverso un canale sotterraneo. Oggi per la sua alimentazione si impiegano le acque sotterranee.

Nel complesso templare di Karnak, davanti al tempio dedicato alla dea Mut, Amenhotep III fece costruire un altro Lago Sacro, sempre grande, ma di forma irregolare.

 

logo

Copyright © 2004 Katharina von Dosky
Vietata la riproduzione di testo, fotografie ed immagini senza il mio consenso




Valid HTML 4.01 TransitionalCSS Valido!