fiore di loto

I nomi dei luoghi, villaggi e città dell'Antico Egitto

 

 

▪ K ▪ L ▪ M ▪

scarabeo

KABASOS: versione greca per Hebes-ka, capitale dell'XI nômo del Basso Egitto, l'odierna Horbeit. Fu centro di adorazione della dea Iside

KA-HEBES: vedi HEBES-KA

KARNAK: vedi HERMONTHIS

KARUN: vedi FAYÛM

KA-SA: vedi KYNOPOLIS

KAU EL KEBÎR: vedi HIERAKONPOLIS

KEBTI: vedi KOPTOS

KEMET (copto: KEMI): l'antica definizione dell'Egitto, significante la « Terra Nera »

KER-AHA (Babylon): località nei pressi di Heliopolis ove la tradizione mitica poneva la sede dei combattimenti tra Horus e Seth. Divenne un santuario di Osiride e, in epoca greca, venne trasformata nella fortezza di Babylon che fu conquistata successivamente da Amr Ibn el-As nel 640

KES (Kusit): vedi KUSAI (Cusae)

KHASET: vedi Xoїs (Chois)

KHARGA (Khargeh, oasi di): situata duecentoquaranta chilometri a sud-ovest da Asyût con vari centri abitati e rovine templari tra cui il tempio di Hibis, dedicato da Dario al dio Amon, e il tempio di Nadura eretto in epoca romana sotto il regno di Antonino Pio

KHARGEH (oasi di): vedi KHARGA

KHEMNIS (Akhmîm, Khimmîn): vedi PANOPOLIS

KHENEN-NSUT: vedi HERAKLEOPOLIS MAGNA

KHIMMÎN (Akhmîm, Khemnis): vedi PANOPOLIS

KHMENU (Unt): vedi HERMOPOLIS MAGNA

KÔM EL-ICHKAUS: vedi APHRODITOPOLIS

KOM OMBO: l'antica Pa-Sobek = la « Dimora di Sobek », il dio coccodrillo, detta anche Nubit. È situata tra Edfu ed Assuan. Thutmosis III vi eresse un tempio. In epoca tolemaica venne ricostruito e dedicato a due triadi divine: una composta da Haroëris, dalla dea Sent-nefert e dal dio Panebtaui, l'altra da Sobek, Hathor e Khonsu

KOPTOS: versione greca per Kebti, capitale del V nômo dell'Alto Egitto, l'odierna Kuft. Fu centro di adorazione delle divinità Min e Amon

KOROSKO: Amada

KUBBÂN: XII distretto della Nubia, l'antica Bak

KUBETT EL HAWA: vedi SYENE

KUFT: vedi KOPTOS

KUSAI (Cusae): versione greca per Kes o Kusit, capitale del XIV nômo dell'Alto Egitto, l'odierna Kusîyeh. La dea Hathor vi ebbe adorazione. La necropoli locale, nei pressi dell'odierno villaggio di Meir, è composta principalmente da tombe della VI e XII dinastia e d'epoca romana

KUSIT (Kes): vedi KUSAI (Cusae)

KUSÎYEH: vedi KUSAI

KYNOPOLIS (Cinopoli): versione greca per Ka-sa, capitale del XVII nômo dell'Alto Egitto, la odierna El Kes. Fu centro di adorazione del dio Anubis e successivamente del dio Horus

 

logo

 

LATOPOLIS: la « Città del pesce Lato », vedi ESNEH

LEONTOPOLIS (Leontopoli): versione greca per Menset, nei pressi di Heliopolis, centro di adorazione della coppia leonina identificata in Shu e Tefnut. Vi fu anche adorato il dio leone Mahes

LETOPOLIS: versione greca per Sekhem, capitale del II nômo del Basso Egitto, l'odierna Usim. Fu centro di adorazione del dio Horus

LICHT: località a sessantacinque chilometri a sud del Cairo, nei pressi di Matanieh, ove sorgono due piramidi in stato di rovina. Quella a nord è la tomba di Amenemhat I e quella a sud di Sesostris I. Attorno ad esse si trovano i resti delle tombe di grandi personaggi della corte.

LICOPOLI: vedi LYCOPOLIS

LIMNÉ (Phiom): vedi FAYÛM

LUXOR: l'antica Apet-Risit, facente parte della città santa, capitale del Nuovo Impero, Tebe

LYCOPOLIS (Licopoli): versione greca per Sauti, capitale del XIII nômo dell'Alto Egitto, l'odierna Asyût. Fu centro di adorazione del dio Upuat

 

logo

 

MAAT: vedi IBRÛM

MADIT: vedi MEDAMUT

MATANIEH: vedi APHRODITOPOLIS DEL NORD

MATARÎYEH: vedi HELIOPOLIS

MATENU: vedi APHRODITOPOLIS DEL NORD

MEAE: X distretto della Nubia, l'antica Mehi

MEDAMUT: l'antica Madit nei pressi di Luxor eretta in onore del dio Montu e del toro sacro Bukhis che aveva ivi un suo oracolo. Vestigia templari dell'Antico Impero che mostrano successivi rimaneggiamenti nel Medio Impero, specie durante la XII e XIII dinastia. Non mancano resti romani dell'epoca di Tiberio e di Antonino Pio

MEDINET EL-FAYÛM: l'antica Shedet (Shedit o Ta-She) nel Fayûm, successivamente denominata Crocodilopolis ed anche Arsinoë

MEDINET HABU: località a sud della necropoli tebana, ricca di vestigia archeologiche tra cui il tempio di Amenhotep I, Thutmosis II, Hatshepsut e Thutmosis III. Anche Ramses III fece costruire un tempio e un padiglione regio. In epoca cristiana vi sorse un piccolo centro abitato detto dai Copti Djeme, in cui venne impiegata buona parte del materiale archeologico trovato sul posto

MEDINET MADI: località nel Fayûm, l'antica Gia, detta dai Greci Narmuthis che conobbe particolare splendore durante il Medio Impero soprattutto ad opera di Amenhotep III e IV con l'erezione di un tempio ampliato in epoca tolemaica

MEHI: vedi MEAE

MEÎDUM: località a circa ottanta chilometri a sud del Cairo con una interessante necropoli dell'Antico Impero dalla quale provengono interessanti affreschi ora conservati al Cairo (tra cui le famose « Oche di Meîdum »). Sir Flinders Petrie vi trovò una delle più antiche mummie nella tomba di Ranofer. Nella stessa località sorge una piramide di calcare detta la « falsa piramide » a causa della sua forma geometrica e che sembra sia stata la prima costruita dal faraone Snofru, padre di Cheope

MEMPHIS: vedi MENFI

MENDES: versione greca per Pa-ba-neb-djedet, « La Dimora dell'Anima del Signore di Djedet », capitale del XVI nômo del Basso Egitto, l'odierna El-Amndid. Vi fu adorato Khnum e successivamente Osiride

MENFI (Memphis): versione greca per Mennefert, capitale del I nômo del Basso Egitto, la odierna Mitrahîneh. Fu centro del culto di Ptah, Sekhmet e Nefertum. Dal nome del suo principale santuario Het-ka-Ptah sembra sia derivato, attraverso la corruzione greca, il nome Egitto. Dell'antica città non resta più nulla

MENNEFERT: vedi MENFI

MENSET: vedi LEONTOPOLIS

MEROЁ: L'antica Miriuat, capitale del II distretto della Nubia a nord di Khartum. Fu sede del II regno di sovrani etiopi che estesero la loro giurisdizione sull'Egitto a partire dalla XX dinastia, usando anche la città di Napata come propria sede. Il substrato africano si fece potentemente sentire nonostante l'assunzione formale dei culti egizi da parte degli Etiopi (Meroitiche divinità) e ciò spiega il sopravvivere di sacrifici cruenti, come l'uccisione di cortigiani alla morte del sovrano, sino in tarda epoca.

METELIS: versione greca per Senty-nefer, detta anche Pa-Ha-neb-Amenti, la « Dimora di Ha, Signore dell'Occidente », capitale del VII nômo del Basso Egitto. Vi venne adorato il dio Ha e successivamente Osiride, Iside e Horus il Giovane. Anche Bendedet e Heket furono oggetto di culto

MIRIUAT: vedi MEROЁ

MITRAHÎNEH: vedi MENFI

MIZRAIM: nome dato dagli Ebrei all'Egitto. Lett. i due mazors ovvero le « Due Torri »

MONTAGNA OCCIDENTALE: designa la regione dei morti e in particolare la necropoli di Tebe. Molti papiri e sarcofagi recano riproduzioni di tale montagna mentre la dea Hathor nell'aspetto della sacra vacca, è riprodotta in atto di uscirne, sbucando da un papireto


Tratto da "I Miti e i Luoghi dell'Antico Egitto" di Boris de Rachewiltz
Longanesi & C., Milano 1961

 

logo

Copyright © 2004 Katharina von Dosky
Vietata la riproduzione di testo, fotografie ed immagini senza il mio consenso




Valid HTML 4.01 TransitionalCSS Valido!