fiore di loto

La dea Nut

 

 

Nut era una divinità cosmica, figlia di Shu e di Tefnut nonchè sorella e sposa del dio della terra Geb. Rappresentando la volta celeste, spesso appare come donna con i piedi poggiati sul orizzonte orientale e il corpo in una posizione arcuata sopra la terra, mentre le mani toccano l'occidente.

Shu, Nut e Geb

Shu separa Nut, il cielo,
dalla terra, impersonata da Geb

Fu ritenuta la madre del dio sole Ra perchè, secondo il mito, al tramonto ingoiava il sole per rigenerarlo all'alba. Era anche la madre delle stelle, che lei partoriva tutte le sere per divorarle la mattina seguente. Sia Ra che il padre Shu le avevano proibito, di congiungersi al fratello e sposo Geb durante tutti i giorni dell'anno egiziano, allora composto di trecentosessanta giorni. Ma lei riuscì comunque a farlo nei cinque giorni epagomeni, create per lei dal dio Thot. E da questa unione nacquero Osiride, Iside, Neftis e Seth.

Quando venne rappresentata con sembianze di donna, spesso aveva il suo simbolo, un vaso globulare, appoggiato sul capo, sormontato inoltre dal disco solare tra due corna. Altre volte era raffigurata come grande mucca circondata da tante stelle. Il suo carattere di divinità cosmica la rese una delle patrone dell'Albero sacro da cui dispensava cibo e bevande al defunto. Nut fu onorata di un culto particolare nella città di Het-Shenyt, centro non lontano da Heliopolis.

 

logo

Copyright © 2004 Katharina von Dosky
Vietata la riproduzione di testo, fotografie ed immagini senza il mio consenso




Valid HTML 4.01 TransitionalCSS Valido!