fiore di loto

 

 

 

Torquato Tasso

(scrittore e poeta italiano, 1544-1595)

- Godiam noi qui -

Odi, Phyllis, che tuona: odi che'n gelo
il vapor di lassù converso piove;
ma che curar dobbiam che faccia Giove?
Godiam noi qui, s'egli è turbato in cielo.

Godiamo amando, e un dolce ardente zelo
queste gioje notturne in noi rinnove:
tema il volgo i suoi tuoni, e porti altrove
fortuna, o caso il suo fulmineo telo.

Ben folle, ed a se stesso empio è colui,
che spera, e teme: e in aspettando il male,
gli si fa incontro, e sua miseria affretta.

Perisca il mondo, e rovini: a me non cale,
se non di quel, che più piace e diletta;
chè se terra sarò, terra ancor fui.


piccola foglia

- Qual rugiada -

Qual rugiada o qual pianto,
quai lagrime eran quelle
che sparger vidi dal notturno manto
e dal candido volto de le stelle?
E perché seminò la bianca luna
di cristalline stelle un puro nembo
e l’erba fresca in grembo?
Perché ne l’aria bruna
s’udian, quasi dolendo, intorno intorno
gir l’aure insino al giorno?
Fur segni forse de la tua partita,
vita de la mia vita?

 

logo

Copyright © 2004 Katharina von Dosky
Vietata la riproduzione di testo, fotografie ed immagini senza il mio consenso




Valid HTML 4.01 TransitionalCSS Valido!