fiore di loto

 

 

 

Carlo Alberto Salustri (Trilussa)

(poeta italiano, 1871-1950)

- Er compagno scompagno -

Un Gatto, che faceva er socialista
solo a lo scopo d'arivà in un posto,
se stava lavoranno un pollo arosto
ne la cucina d'un capitalista.

Quanno da un finestrino su per aria
s'affacciò un antro Gatto: ― Amico mio,
pensa - je disse - che ce so' pur'io
ch'appartengo a la classe proletaria!

Io che conosco bene l'idee tue,
so' certo che quer pollo che te magni,
se vengo giù, sarà diviso in due:
mezzo a te, mezzo a me... Semo compagni!

― No, no - rispose er Gatto senza core -
io nun divido gnente co' nessuno:
fo er socialista quanno sto a diggiuno,
ma quanno magno so' conservatore!


piccola foglia

- La libertą di pensiero -

Un Gatto bianco, ch'era presidente
der circolo der Libbero Pensiero,
sentì che un Gatto nero,
libbero pensatore come lui,
je faceva la critica
riguardo a la politica
ch'era contraria a li principi sui.

― Giacché num badi a li fattacci tui,
- je disse er Gatto bianco inviperito -
rassegnerai le propie dimissione
e uscirai da le file der partito:
ché qui la pôi pensà libberamente
come te pare a te, ma a condizzione
che t'associ a l'idee der presidente
e a le proposte de la commissione!

― È vero, ho torto, ho aggito malamente…
- rispose er Gatto nero.
E pe' restà ner Libbero Pensiero
da quela vorta nun pensò più gnente.


piccola foglia

- Er pollo nazionalista -

― Povero me! Me tireranno er collo! -
disse un Faggiano ar Pollo -
Ho letto sur giornale che domani
c'è un pranzo a Corte, e er piatto prelibbato
saranno, come sempre, li faggiani...

― E te lamenti? Fortunato te! -
Je rispose l'amico entusiasmato -
Nun sei contento de morì' ammazzato
per la Patria e p'er Re?
E l'Ideale indove me lo metti?
Fratello mio, bisogna che rifretti...

― Eh, capisco, tu sei nazzionalista, -
disse er Faggiano - e basta la parola,
ma t'avviso, però, che su la lista
c'è puro scritto: polli in cazzarola. -

A 'sta notizzia er povero Pollastro
rimase così male
che se scordò d'avecce l'Ideale
e incominciò a strillà': ― Dio, che disastro!
La Patria, er Re, so' cose belle assai,
ma la pelle è la pelle... capirai!
Ne faccio una questione personale!


piccola foglia

- L' istruzione -

Loreto, Pappagallo ammaestrato,
doppo trent'anni ritornò ner bosco
propio dov'era nato.
La madre disse: ― Come sei cambiato!
Er padre disse: ― Nun te riconosco!
― So' diventato 'na celebbrità! -
rispose er Pappagallo co' la boria
d'un professore d'Università. -
Ho imparato a memoria
una dozzina de parole belle... -
― Dodici sole? ― Sì, però so' quelle
che l'ommini ce formano la Storia
e che so', su per giù, le litanie
de li discorsi e de le poesie:
Iddio, Patria, Famija, Fratellanza,
Onore, Gloria, Libbertà, Doveri,
Fede, Giustizzia, Civirtà, Uguajanza... -
La madre disse: ― Fijo, parla piano,
nojantri nun volemo dispiaceri...


piccola foglia

- La gratitudine -

Mentre magnavo un pollo, er Cane e er Gatto
pareva ch'aspettassero la mossa
dell'ossa che cascaveno ner piatto.
E io, da bon padrone,
facevo la porzione,
a ognuno la metà:
un po' per omo, senza
particolarità.

Appena er piatto mio restò pulito
er Gatto se squajò. Dico: ― E che fai? ...
― Eh, - dice - me ne vado, capirai,
ho visto ch'ai finito... -

Er Cane, invece, me sartava ar collo
riconoscente come li cristiani
e me leccava come un francobbollo.
― Oh! bravo! - dissi - Armeno tu rimani! -
Lui me rispose: ― Si, perché domani
magnerai certamente un antro pollo!


piccola foglia

- Er Cane moralista -

Più che de prescia er Gatto
agguantò la bistecca de filetto
che fumava in un piatto,
e scappò, come un furmine, sur tetto.
Lì se fermò, posò la refurtiva
e la guardò contento e soddisfatto.
Però s'accorse che nun era solo,
perché er Cagnolo der padrone stesso,
vista la scena, j'era corso appresso
e lo stava a guardà' da un muricciolo.
A un certo punto, infatti, arzò la testa
e disse ar Micio: ― Quanto me dispiace!
Chi se pensava mai ch'eri capace
d'un'azzionaccia indegna come questa?
Nun sai che nun bisogna
approfittasse de la robba artrui?
Hai rubbato ar padrone! Propio a lui
che te tiè' drento casa! Che vergogna!
Io nun capisco come
te sei ridotto a fa' quello ch'hai fatto.
Povero onore tuo! Povero nome!
Nun sai che la bistecca ch'hai rubbato
peserà mezzo chilo a ditte poco?
Pare quasi impossibile ch'er coco
nun te ciabbia acchiappato!
Chi t'ha visto? ― Nessuno...
― E er padrone? ― Nemmeno...
― Allora - dice - armeno
famo metà per uno!


piccola foglia

- Caritą cristiana -

Er Chirichetto d'una sacrestia
sfasciò l'ombrello su la groppa a un gatto,
pe' castigallo d'una porcheria.
― Che fai? - je strillò er Prete ner vedello -
Ce vò un coraccio nero come er tuo
pe' menaje in quer modo... Poverello!...
― Che? - fece er Chirichetto - er gatto è suo?
Er Prete disse: ― No... ma è mio l'ombrello!

 

logo

Copyright © 2004 Katharina von Dosky
Vietata la riproduzione di testo, fotografie ed immagini senza il mio consenso




Valid HTML 4.01 TransitionalCSS Valido!