fiore di loto

La dea Uadjet, Wadjet o Uto

 

 

la dea cobra uadjed

La dea cobra uadjed
Bibân el-Harîm (Valle delle Regine)
Tebe-ovest, XX dinasta

Uadjet fu una dea cobra predinastica, il cui centro di culto si trovò inizialmente nelle paludi del delta. Presto venne associata all'ureo, portato sulla fronte prima da Ra e più tardi da tutti i faraoni (la sagoma del cobra sporge generalmente al centro della base della corona faraonica).

Divenuta la dea tutelare del Basso Egitto, le fu dedicato un tempio a Pa-Uadjet, l'odierno Buto. Unitamente a Nekhbet ebbe il titolo di Nebti, "Le Due Signore" ed entrambe faccevano parte del protocollo ufficiale faraonico e del culto divino giornaliero. Mentre Nekhbet era ritenuta una materna protettrice del faraone, Uadjet si occupava della sua difesa, ed era sempre pronta ad annientare i suoi nemici. Personificava il calore ardente del sole e fu creduta "la regina di tutti i dei", nonchè l'occhio sinistro di Ra.

Tolomeo IX fra le dee Uadjet e Nekhbet

Tolomeo IX fra la dea cobra Uadjet, protettrice del Basso Egitto
(con la corona rossa del Basso Egitto)
e la dea avvoltoio Nekhbet, divinità tutelare dell'Alto Egitto
(con la corona bianca dell'Alto Egitto)
Rilievo del tempio di Kom Ombo, 110 a.C.

Secondo la leggenda osiriaca la dea Uadjet avrebbe aiutato Iside a nascondere il figlio Horus nei papireti del Delta. Spesso veniva raffigurata come donna con la testa sormontata dalla corona rossa del Basso Egitto e tenendo in mano lo scettro uadi (una lunga canna di papiro) intorno alla quale si attorcigliava un cobra. Altre volte la sua iconografia era semplicemente quella di un cobra, talvolta con la corona del Basso Egitto.

 

logo

Copyright © 2004 Katharina von Dosky
Vietata la riproduzione di testo, fotografie ed immagini senza il mio consenso




Valid HTML 4.01 TransitionalCSS Valido!